Curare con i fiori di bach

Tutto il materiale di questa sezione e tratto da “FIORI DI BACH PER GLI ANIMALI” di Laura Cutullo (Xenia edizioni).

Laura Cutullo: laureata in medicina veterinaria presso l’universita di Milano, ha frequentato la scuola di omeopatia classica “Mario Garlasco” e si dedica alle terapie naturali. Collabora con riviste scientifiche e svolge attivita di medico veterinario nel settore degli animali da compagnia, a Milano.

 

CURARE GLI ANIMALI CON I FIORI DI BACH
L’interpretazione dei vari comportamenti e, ancor di piu, l’oggettiva osservazione degli stessi e alla base della floriterapia, perche e proprio da questi che derivano le indicazioni per impostare la cura e arrivare quindi alla soluzione dei problemi.

Cio che interessa e riuscire a individuare il o i disagi che fanno soffrire il nostro amico a 4 zampe attraverso il suo comportamento, che e tipico e individuale.

Quello che si osserva dev’essere registrato senza preconcetti, sensi di colpa o “perdonandosi” eccessivamente, quando si ha il sentore di essere la causa del disagio: solo osservando il nostro amico “dal di fuori”, come uno spettatore non coinvolto emotivamente, possiamo fare una buona diagnosi e quindi trovare la terapia migliore.

 

POSOLOGIA
La posologia e la stessa sia che si tratti di cuccioli o di adulti, di cani o gatti o persone:

4 gocce, 3 o 4 volte al di direttamente in bocca o nell’acqua della ciotola. E’ meglio non metterle nel cibo.

Se si danno direttamente in bocca all’animale, bisogna sollevare leggermente la testa, fare pressione con le dita sugli angoli della bocca in modo che la apra, quindi porre le gocce sopra la lingua.

Se l’animale lecca la pipetta contagocce o la imbratta con la saliva, e necessario sciaquarla bene sotto l’acqua fredda prima di riporla nel flacone.

La quantita di gocce non e categorica. Se ne vengono date di piu, l’animale non corre alcun pericolo; solamente si consuma piu velocemente il rimedio non aggiungendo comunque efficacia.

Se piu animali bevono alla stessa ciotola, non ci sono inconvenienti: il rimedio e attivo solo su chi ne ha bisogno, gli altri non sono “sensibili”.

 

LE PATOLOGIE PIU’ FREQUENTI
LA PAURA

LA MANCANZA DI INTERESSE PER IL PRESENTE

LA SOLITUDINE

L’INCERTEZZA

L’IPERSENSIBILITA’

LO SCORAGGIAMENTO E LA DISPERAZIONE

LA PREOCCUPAZIONE PER GLI ALTRI

IL RESCUE REMEDY

 

PATOLOGIE SUDDIVISE IN ORDINE ALFABETICO
A

B

C

D

E

F

G

H

I

L

M

N

O

P

Q

R

S

T

U

V

Z

 

 

 

Lasciate un commento


Fate attenzione ai campi obbligatori

Esequi il Log in per scrivere un commento.